Ti trovi qui:Home»Dal comune»Premio Saragat: i vincitori e le premiazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 27 Giugno 2019 22:19

Premio Saragat: i vincitori e le premiazioni

Il Premio Saragat è stato istituito a Sanluri per la prima volta lo scorso anno. La finalità è quella di dare un riconoscimento pubblico a sanluresi doc o acquisiti che si sono distinti (Cittadino Eccellente) o si stanno distinguendo (Giovane Emergente) nel campo artistico. Per il 2018 la categoria individuata è stata la musica.

Sabato, in occasione del Consiglio Comunale solenne, le premiazioni della prima edizione.

La giuria per “Cittadino Eccellente” ha scelto Antonio Pittau, una vita dedicata alla musica in tutte le sue sfaccettature. La motivazione è la seguente: Per le capacità e i meriti acquisiti in una vita dedicata alla musica.

Ottant’anni portati davvero bene, in famiglia ha sempre vissuto a pane e musica. Il padre Gesuino amante della musica ha trasmesso la passione ai figli. Antonio, diplomatosi giovanissimo in Oboe ha a lungo insegnato in conservatorio ricoprendo il posto di I° Oboe al Teatro lirico di Cagliari dal 1975 al 1994. Vanta tantissime collaborazioni con musicisti di fama internazionale ma non ha mai trascurato Sanluri, la sua cittadina. Dal 1959 al 2004 ha diretto la banda musicale, l’attuale Complesso strumentale a fiati Ponchielli .Negli Anni 80 porta la Banda a concorrere e vincere numerosi premi internazionali che avvicina tanti giovani alla musica anche in maniera professionale dando a Sanluri il primato di Comune con la percentuale di musicisti tra le più alte d’Italia.

Sempre con grande dedizione si è occupato della parte musicale del “Gruppo Folk”, curandone gli arrangiamenti, insegnando i canti, facendo un lavoro di divulgazione della tradizione musicale locale, spesso mettendo in musica poesie e rime di concittadini.

Attualmente è preparatore e direttore del “Coro Polifonico città di Sanluri”.

Il riconoscimento al “Giovane Emergente” va al 18enne Filippo Antonio Musio. La motivazione è la seguente “per l’impegno profuso nel coltivare i suoi talenti musicali. In famiglia si accorgono subito dell’interesse del piccolo Filippo per la musica tanto che già a sei anni seguiva lezione di violino, strumento che l’ha subito attirato.

A 7 anni viene ammesso al conservatorio di Cagliari e negli ultimi anni per affinare la sua tecnica ha conseguito diversi master e corsi con direttori d’orchestra internazionali. Si esibisce con diverse orchestre giovanili nazionali ed ha suonato in orchestra con Salvatore Accardo.

<Sono orgoglioso di guidare l’amministrazione che   questo premio – spiega il sindaco Alberto Urpi – Il riconoscimento ci permette sia di riscoprire un personaggio illustre come Giuseppe Saragat e le sue origini sanluresi sia di valorizzare e dare un riconoscimento ai nostri talenti ed eccellenze alle quali già da ora faccio i complimenti>.

Dare un riconoscimento all’impegno, l’abnegazione e il talento nei vari settori delle arti e del lavoro per l’assessore all’Istruzione Carlo Murru è un motivo di orgoglio e di stimolo per i giovani: <In tutti questi anni abbiamo cercato di farlo dando sempre risalto all’impegno delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi, mettendo l’accento sul fatto che per diventare colonne portanti della società servono sacrifici e non scorciatoie. Il Premio Saragat nasce per riconoscere il valore di un giovane emergente che si è distinto per capacità, merito, talento e creatività in un ambito specifico e per dare riconoscimento a chi nella sua vita ha dato lustro e prestigio nello stesso ambito, contribuendo a dare popolarità a Sanluri>.

Appuntamento con le premiazioni sabato sera alle 18 nel corso del Consiglio comunale solenne al castello.

Dopo la Musica sarà la volta dello “Sport” che è l’ambito selezionato del Premio Saragat per il 2019.

Visualizza la locandina 

Condividi