Ti trovi qui:Home»Covid-19»Mobilità: restrizioni del Ministero della Salute

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Venerdì, 20 Marzo 2020 20:41

Mobilità: restrizioni del Ministero della Salute

Il Ministero della Salute ha emanato un decreto dal titolo: "Ulteriori misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale"

Le misure saranno adottate da domani e valide fino al 25 marzo salvo eventuali proproghe.  

Qui di di seguito le misure:
- è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;
-non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto;
- resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona
- sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consiunarsi al di fuori dei locali. Restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
- nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

Leggi:
Ordinanza del Ministero della Salute del 20-3-20 

Condividi